LogIn
 NUOVO UTENTE
Con la creazione di un account sarai in grado di:
  - Visualizzare dati riservati solo per te in area privata
  - Essere sempre aggiornati sulle nostre attività e servizi
 UTENTE REGISTRATO Esegui il Login
 NomeUtente 
 Password 

      Recupero Password
ORGANIGRAMMA | DOVE SIAMO | CONTATTI  
IN EVIDENZA
EVENTI
19-20-21 Novembre 2017 ELEZIONI ORDINE MEDICI FIRENZE
02
NOV
2017
NEWS
Sentenza del Giudice di Pace di Palermo in materia di obblighi prescrittivi dell'MMG in presenza di gravidanza a rischio.
14
OTT
2017
EVENTI FORMATIVI
RIMANDATO A DATA DA DESTINARSI il corso previsto originariamente per 14 e 15 Ottobre, 15 Dicembre 2017 Corso teorico-pratico Il medico di medicina generale ed il dermatologo nel percorso prevenzione melanoma
12
OTT
2017
COMUNICATI
12/10/17 Studio medico: requisiti autorizzativi e di accessibilità
21
SET
2017
COMUNICATI
Corso di formazione Metodologia, strategie e tecniche della Ricerca clinica, Edizione 2017-2018.
18
SET
2017
NEWS
Vaccini. Toscana avvia due nuovi servizi on-line per stampare libretto e attestato vaccinale
23
AGO
2017
EVENTI FORMATIVI
PACC NODULO POLMONARE
03
AGO
2017
NEWS
Esenzione P03 per le prestazioni relative alle vaccinazioni
31
LUG
2017
NEWS
Riapertura termini domanda concorso 2017/2020 corso triennale di formazione specifica in medicina generale
24
LUG
2017
COMUNICATI
MOZIONE FINALE CONSIGLIO NAZIONALE FIMMG del 22/07/2017
06
GIU
2017
NEWS
16 Giugno 2017 a Roma FIMMG, FIMP e SUMAI in Assemblea congiunta insieme ai Cittadini - Per il rilancio delle Cure Primarie è necessario un nuovo Atto d’indirizzo
25
MAG
2017
COMUNICATI
CERTIFICATI DI MATERNITA' - BONUS BEBE' - INPS
08
MAG
2017
COMUNICATI
CERTIFICATI DI MATERNITA'
19
APR
2017
COMUNICATI
ATTENTI ALLA TRUFFA
10
APR
2017
COMUNICATI
Certificazioni INPS e accesso al nuovo portale INPS
02
MAR
2017
COMUNICATI
Responsabilià professionale. Via libera dalla Camera. Il "ddl Gelli" è legge. Cambiano la responsabilità penale e civile dei medici. Più trasparenza per i pazienti e sicurezza strutture
11
GEN
2017
COMUNICATI
Intervista al Segretario Provinciale FIMMG di Firenze e Vice Segretario Nazionale in risposta a chi ritiene che l'affollamento ai pronto soccorsi sia determinato dalla non presenza dei medici di Medicina generale sul territorio
02
GEN
2017
COMUNICATI
2-Gen-17 Chiarimenti del Dr. Nastruzzi, Segretario Regionale FIMMG Toscana, su ritiro somme da parte della ASL (ex ASL 10 di Firenze) da cedolino medici
19
DIC
2016
COMUNICATI
Lettera al Dir. Gen. AUSL Toscana Centro del 19 Dicembre 2016
24
NOV
2016
COMUNICATI
Vaccinazione antimeningococcica nella Prov. di Firenze
25-05-2017/00:00:00 Visitato: 58
CERTIFICATI DI MATERNITA' - BONUS BEBE' - INPS

 

Firenze lì, 25 Maggio 2017

 

Oggetto: Certificazioni per Bonus Bebè INPS

 

Si invia di seguito la normativa inerente la certificazione per il bonus bebè.

Il sunto è che dobbiamo fare tali certificazioni a titolo gratuito e su supporto informatico

Cordiali saluti.

                                                                 Vittorio Boscherini

                               Vice Segretario Nazionale FIMMG e Segretario Provinciale FIMMG Firenze


 

Art. 76.
Documentazione 
(legge 30 dicembre 1971, n. 1204, articoli 29 e 30, commi 2, 3 e 4)

  1. Al rilascio dei certificati medici di cui al presente testo unico, salvo i casi di ulteriore specificazione, sono abilitati i medici del Servizio sanitario nazionale.
  2. Qualora i certificati siano redatti da medici diversi da quelli di cui al comma 1, il datore di lavoro o l'istituto presso il quale la lavoratrice e' assicurata per il trattamento di maternita' hanno facolta' di accettare i certificati stessi ovvero di richiederne la regolarizzazione alla lavoratrice interessata.
  3. I medici dei servizi ispettivi del Ministero del lavoro hanno facolta' di controllo.
  4. Tutti i documenti occorrenti per l'applicazione del presente testo unico sono esenti da ogni imposta, tassa, diritto o spesa di qualsiasi specie e natura.

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________

La legge come si vede al comma 1 dell'art.76 dell'epoca definisce abilitati i medici del Servizio sanitario nazionale senza specificarne le caratteristiche contrattuali o di area (specialistica o generalistica), con successiva interpretazione e con circolare n.62 del 29/04 2010, l'INPS afferma che per medici del SSN si intendono anche i medici convenzionati ed in particolare anche i convenzionati in medicina generale come appare da quanto segue al punto 4 della suddetta circolare:

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________

4)     Documentazione amministrativa: certificati medici redatti dai medici convenzionati con il SSN 

L’art. 76 del D.Lgs. 151/2001 dispone che:

  1. Al rilascio dei certificati medici di cui al presente testo unico (maternità/paternità – D.Lgs. 151/2001),salvi i casi di ulteriore specificazione, sono abilitati i medici del servizio sanitario nazionale (SSN).
  2. Qualora i certificati siano redatti da medici diversida quelli di cui al comma 1, il datore di lavoro o l’istituto presso il quale la lavoratrice è assicurata per il trattamento di maternità hanno facoltà di accettare i certificati stessi ovvero di richiederne la regolarizzazione alla lavoratrice interessata”.

L’applicazione della norma succitata ha portato a ritenere che, ai fini delle disposizioni di cui al Testo Unico maternità/paternità, i medici convenzionati con il SSN non fossero da ricomprendere nella categoria dei “medici del SSN” ma nella categoria dei “medici diversi”. Conseguentemente, per i certificati redatti dai medici convenzionati trovava applicazione il comma 2 dell’art. 76 del D.Lgs. 151/2001 (accettazione o regolarizzazione).

Recentemente il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali,  interpellato in merito all’interruzione di gravidanza intervenuta prima del 180° giorno (aborto), ha chiarito che, ai fini dell'esclusione dei periodi di malattia connessa a gravidanza dal computo del limite massimo indennizzabile (180 giorni) per malattia nell’arco dell’anno solare, non è necessaria la certificazione rilasciata da un medico specialista del SSN, ma è sufficiente la certificazione redatta anche dal proprio medico curante di medicina generale convenzionato.

Ne consegue che, ai predetti fini, le Sedi devono accettare anche i certificati redatti dai medici curanti di medicina generale convenzionati.

Con l’occasione, il citato Ministero, ha chiarito inoltre che, ai fini del Testo Unico maternità/paternità, i medici convenzionati devono ritenersi compresi nella categoria dei medici del SSN di cui al comma 1 dell’art. 76 del D.Lgs. 151/2001: conseguentemente, i certificati medici redatti dai medici convenzionati devono considerarsi equivalenti a quelli rilasciati dai medici di struttura pubblica (SSN) e, pertanto, devono essere accettati dall’Istituto e dal datore di lavoro.

In particolare, devono essere accettati i certificati medici indicanti la data presunta del parto redatti dai medici curanti di medicina generale convenzionati o dai ginecologi convenzionati con il SSN (art. 21 del D.Lgs. 151/2001).

La certificazione medica attestante la malattia connessa a puerperio, analogamente a quanto previsto per la certificazione richiesta ai fini della flessibilità, deve essere rilasciata dallo specialista del SSN o con esso convenzionato. 

Rimane ferma, invece, la facoltà dell’Istituto e del datore di lavoro di accettare o chiedere la regolarizzazione dei certificati medici redatti dai medici privati non convenzionati o dai medici dipendenti da strutture private non convenzionate con il SSN.

Per buona memoria, in merito alle strutture che possono considerarsi “convenzionate”, è utile fare riferimento alle precisazioni a suo tempo fornite con circolare n. 32 del 03.03.2006.

______________________________________________________________________________________________________________

 

Tale interpretazione potrebbe essere considerata eccedente la legge in considerazione di quanto previsto chiaramente rispetto alla flessibilità del congedo di maternità previsto dall'art. 20 della stessa legge 151/2001 dove appare chiaro come rispetto alla certificazione venga richiesta una certificazione specialistica o competente:

______________________________________________________________________________________________________________

 

Art. 20. Flessibilità del congedo di maternità (legge 30 dicembre 1971, n. 1204, art. 4-bis; legge 8 marzo 2000, n. 53, art. 12, comma 2)

  1. Ferma restando la durata complessiva del congedo di maternità, le lavoratrici hanno la facoltà di astenersi dal lavoro a partire dal mese precedente la data presunta del parto e nei quattro mesi successivi al parto, a condizione che il medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato e il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro.
  2. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con i Ministri della sanità e per la solidarietà sociale, sentite le parti sociali, definisce con proprio decreto l'elenco dei lavori ai quali non si applicano le disposizioni del comma 1.

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

Comunque a chiarire un ruolo dell'area convenzionata nella certificazione di gravidanza e a definirne l'esclusivo invio telematico con data presunta del parto etc.. interviene la legge 98 del 2013, legge di conversione del decreto 69/2013 "decreto del fare", che introduce a integrazione della suddetta legge 151/2001 all'art.21 il comma 1 bis che recita:

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Art. 34. Disposizioni in materia di trasmissione in via telematica del certificato medico di gravidanza indicante la data presunta del parto, del certificato di parto e del certificato di interruzione di gravidanza

 

  1. All'articolo 21 del testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, di cui al decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, sono apportate le seguenti modificazioni:
  2. a) dopo il comma 1 è inserito il seguente:

«1-bis. A decorrere dal termine indicato nel comma 2-ter, il certificato medico di gravidanza indicante la data presunta del parto deve essere inviato all'Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) esclusivamente per via telematica direttamente dal medico del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato, secondo le modalità e utilizzando i servizi definiti con decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e del Ministero della salute, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, utilizzando il sistema di trasmissione delle certificazioni di malattia, di cui al decreto del Ministro della salute 26 febbraio 2010, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65. »;

Allegato
Created & Powered By APL Sistemi
© 2017 FIMMG Sezione Provinciale di Firenze All Rights Reserved
FIMMG Sezione Provinciale di Firenze - Via Baracca, 209 Firenze
   
INFO
FIMMG Sezione Provinciale di Firenze
Dove Siamo | RSS
CONTATTI
Telefono  055-486391
Fax  055-470216
E-Mail  firenze@fimmg.org
TERMINI E CONDIZIONI
Informativa sulla Privacy
Avvertenze
Cookie policy
MENU'
    Blog
    Accordi
    Documenti
    Comunicati
    Modulistica
    Malattia/Infortunio Medici e Assicurazioni
    Corsi ed Eventi
    Link & Numeri Utili
    News