LogIn
 NUOVO UTENTE
Con la creazione di un account sarai in grado di:
  - Visualizzare dati riservati solo per te in area privata
  - Essere sempre aggiornati sulle nostre attività e servizi
 UTENTE REGISTRATO Esegui il Login
 NomeUtente 
 Password 

      Recupero Password
ORGANIGRAMMA | DOVE SIAMO | CONTATTI  
IN EVIDENZA
02
APR
2020
COMUNICATI
BANDO USCA: il bando aziendale per i medici Usca è ancora aperto, è possibile fare domanda.
02
APR
2020
COMUNICATI
USCA e distribuzione mascherine
02
APR
2020
COMUNICATI
Redazione certificati per soggetti sottoposti a quarantena: precisazioni da Assessore Saccardi (Toscana)
27
MAR
2020
COMUNICATI
Rinnovo fermo invito a tutte le Organizzazzioni sindacali e alle Associazioni professionali a non effettuare astensioni collettive fino al 30 aprile 2020.
26
MAR
2020
COMUNICATI
In merito alle richieste del personale sanitario pubblico e privato di apertura d'infortunio per Covid-19
25
MAR
2020
COMUNICATI
Misure per la prevenzione, e gestione della emergenza epidemiologica da CoViD-19. PROCEDURA STRAORDINARIA PER L'ABILITAZIONE DEMA DEL MEDICO SOSTITUTO.
24
MAR
2020
COMUNICATI
24/03/20 Comunicato Dr. Boscherini FIMMG Firenze
23
MAR
2020
COMUNICATI
Comunicato del Dott. Vittorio Boscherini - FIMMG Firenze - 23 Marzo 2020
19
MAR
2020
COMUNICATI
Lettera aperta al Presidente della Giunta Regionale toscana Enrico Rossi
15
MAR
2020
COMUNICATI
15/03/20 Comunicato ai Medici Iscritti FIMMG AP - CoViD-19 Nuovo scenario aggiuntivo del processo di erogazione farmaci (ricetta Dema)
12
MAR
2020
COMUNICATI
12/03/20 Comunicazioni ai medici da Dr. Boscherini (FIMMG Firenze) su problematiche inerenti Covid-19
07
MAR
2020
COMUNICATI
Comunicato ai Medici Iscritti FIMMG Settore AP e CA della Toscana - 7 Marzo 2020
05
MAR
2020
COMUNICATI
Le misure Enpam per i medici affetti da Covid-19 o in quarantena
04
MAR
2020
COMUNICATI
Ordinanza n. 7 del 4 Marzo 2020 del Presidente della Giunta Regionale Toscana
28
FEB
2020
COMUNICATI
Comunicato del 28/02/2020
26
FEB
2020
COMUNICATI
Comunicato Dr. Boscherini del 26/02/2020
24
FEB
2020
COMUNICATI
Comunicato Dr. Boscherini su Coronavirus 24/02/2020
24
FEB
2020
COMUNICATI
Scheda di valutazione rischio Covid-19 aggiornata
29
GEN
2020
COMUNICATI
Medicina generale. Da Ministero Salute ok ad Atto indirizzo nuova convenzione 
29
GEN
2020
COMUNICATI
Comunicato di una risoluzione approvata dal Direttivo Provinciale FIMMG Firenze del 22/01/2020
05-09-2018/00:00:00 Visitato: 2097
Eliminazione dello split payment per i professionisti
Data pubblicazione : 04/09/2018

a cura della Commissione Fisco FIMMG

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 186 dell’11 agosto 2018 è stata pubblicata la legge 9 agosto 2018, n. 96, di conversione in legge del D.L. 12 luglio 2018, n. 87 – meglio noto come Decreto Dignità – che ha operato un rapido dietrofront in tema di applicazione dello split payment – o scissione dei pagamenti - per le prestazioni assoggettate a ritenuta alla fonte sul reddito.

Relativamente alla situazione del Medico di Medicina Generale, la normativa modifica di fatto la modalità di riscossione dell'IVA sulle fatture emesse dal Professionista nei confronti di Enti Pubblici (nello specifico pertanto nei confronti delle Aziende Sanitarie) per prestazioni non sanitarie (e quindi assoggettate ad IVA) effettuate dal Medico, quali la partecipazione retribuita ad Organismi e/o Commissioni previsti in ACN.

La precedente normativa, in vigore dal 1° luglio 2017, infatti, prevedeva che la stessa Azienda versasse l'IVA prevista all'Erario, a fronte della fattura emessa dal Medico (split payment).

Per effetto della novella legislativa, invece, le fatture che soggiacciono alla ritenuta alla fonte – in sostanza quelle relative alle prestazioni professionali suddette – non sono più oggetto di split payment e, conseguentemente, viene meno l’obbligo del committente (Azienda Sanitaria) di corrispondere l’IVA esposta in fattura direttamente all’Erario.

Nei riguardi di siffatte prestazioni, l'IVA incassata sulle fatture emesse deve essere pertanto versata, successivamente, dallo stesso Medico di Medicina Generale in occasione dei versamenti periodici.

L’esclusione dal citato meccanismo dello split payment si applica alle fatture emesse dopo l’entrata in vigore del D.L. e, conseguentemente, le fatture interessate sono quelle emesse a far data dal 14 luglio 2018.

Il dietrofront è stato una diretta conseguenza del pressing operato dai vari Ordini Professionali e rappresentanti dei professionisti a causa degli effetti negativi, in termini di liquidità, che siffatto meccanismo ha generato nelle casse dei professionisti stessi.

In un quadro normativo siffatto, non ci si può esimere dal segnalare l’impatto negativo della norma in esame sui controlli dei pagamenti nei casi succitati in cui il committente risulti una Pubblica Amministrazione ovvero una società a totale partecipazione pubblica.

Ciò in quanto, secondo il disposto recato dall’art. 48-bis del d.P.R. n. 602 del 1973, per i pagamenti di ammontare superiore a €. 5.000, è fatto obbligo alle P.A., e pertanto, nel caso specifico, alle Aziende Sanitarie, di esercitare la c.d. “verifica preventiva telematica” al fine di accertare lo stato di insolvenza del creditore/professionista nei riguardi dell’erario.

Verifica che, ai sensi dell’art. 2 del Decreto 18 gennaio 2008, n. 40 - recante le disposizioni in materia di pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni – deve essere fatta con apposita richiesta all’Agente della riscossione.

In altri termini, a far data dal 14 luglio 2018, ai fini del rispetto dell’importo di €. 5.000, superato il quale sorge l’obbligo della “preventiva verifica telematica”, la Pubblica Amministrazione, prima di effettuare il pagamento di una fattura professionale, deve tener conto dell’ammontare, comprensivo dell’IVA e al netto della sola ritenuta d’acconto – cfr. circolare 21 marzo 2018, n. 13/E.

Nell’ipotesi in cui da tale verifica risulti un inadempimento a carico del Professionista, ovvero un debito erariale, l'Azienda Sanitaria può legittimamente esimersi dal pagamento delle somme dovute fino alla concorrenza dell’ammontare del debito comunicato dall’Agente della riscossione.

Ciò premesso, appare evidente come il collocare le prestazioni professionali fuori dall’ambito applicativo dello split payment, finisca per ridurre, inevitabilmente, il reale valore imponibile della prestazione che la renda passibile segnalazione, in considerazione del concorso dell’IVA alla determinazione dell'importo complessivo.

Alla luce delle suesposte considerazioni, risulta, ancora una volta, accantonata l’idea – che definire suggestiva rappresenta un puro eufemismo - di disciplinare, in maniera uniforme, le due categorie reddituali di lavoro autonomo e di impresa.

Created & Powered By APL Sistemi
© 2020 FIMMG Sezione Provinciale di Firenze All Rights Reserved
FIMMG Sezione Provinciale di Firenze - Via Baracca, 209 Firenze
   
INFO
FIMMG Sezione Provinciale di Firenze
Dove Siamo | RSS
CONTATTI
Telefono  055-486391
Fax  055-470216
E-Mail  firenze@fimmg.org
TERMINI E CONDIZIONI
Informativa sulla Privacy
Avvertenze
Cookie policy
MENU'
    Blog
    Accordi
    Documenti
    Comunicati
    Modulistica
    Malattia/Infortunio Medici e Assicurazioni
    Corsi ed Eventi
    Link & Numeri Utili
    News